Città in Comune

 

A Blog Post

A Ciampino è nato il movimento RibellArti per rivendicare spazi culturali in Città

Dopo l'iniziativa dello scorso venerdì, torna RibellArti: giovedì 20 alle ore 21.00 ci riuniremo in via Lucrezia Romana 33 a Ciampino per programmare nuove incursioni artistiche

Lo scorso sabato 15 ottobre le scalinate della biblioteca comunale hanno ospitato la prima iniziativa di RibellArti, un movimento nascente mosso da coloro che hanno bisogno di spazi per esprimersi in questa città.

Città in Comune, assieme con Officine Civiche e Fujakkà, cerca di richiamare l'attenzione su un problema che abbraccia la vita dei giovani del posto, ovvero la mancanza di spazi per muoversi liberamente tra le proprie idee, senza doversi per forza rifugiare in casa.

Dove possono andare le persone per esprimersi?

La biblioteca non è un luogo totalmente fruibile, a causa degli orari proibitivi ed è spesso chiusa. Le associazioni che vogliono dare voce alla propria attività sono costrette a pagare ed il Casale dei Monaci è spesso occupato per lunghi periodi dalla Protezione Civile. Creare un dibattito pubblico, aperto, è complicatissimo: ci si deve attrezzare alla bell'è meglio vicino alla stazione, con il conseguente rumore di treni, aerei e traffico che sovrastano la voce di chi vuole parlare.

LE GALASSIE - un corto del laboratorio di cinema Fujakkà proiettato durante l'iniziativa from stefano cipressi - Fujakkà lab. on Vimeo.

Ciampino non prevede spazi, è nata come una città giardino senza giardini e si è ridotta a dormitorio, abitato da persone costrette ad essere pendolari anche nel tempo libero.
L'amministrazione non si occupa dei bisogni umani dei cittadini, e neanche di quelli medico-sanitari: lo dimostrano i lavori ferventi di un aeroporto fuori legge che puntano a consolidare Ciampino come luogo di transito.

Ma c'è chi si ribella: gli attori che rivendicano un teatro, i giovani che non hanno luoghi, i bambini che non hanno ludoteche o spazi diversi dal Parco Aldo Moro, di cui se ne sono lamentate più volte le condizioni di incuria. Sulla pagina facebook di RibellArti si possono vedere i numerosi video e le dirette realizzati durante la giornata.

E c'è Oscar Rosselli, il protagonista di questo piccolo documentario nato da un'idea di Simone Liberati, che ha organizzato una palestra "popolare" nel garage del suo palazzo in attesa che l'Amministrazione individui uno spazio adatto.

Se tutto questo ti appassiona e ti stimola, vieni a RibellArti anche tu: giovedì 20 alle ore 21.00 in via Lucrezia Romana 33 ci riuniremo per un nuovo incontro in cui programmeremo le prossime iniziative.

Non mancare!

Leave a Reply

*

close