Città in Comune

 

A Blog Post

Ciampino Bene Comune: NO al Polo Crematorio

Pubblichiamo il comunicato di Ciampino Bene Comune che condividiamo integralmente

no_polo

L’Amministrazione di Ciampino ha approvato nel mese di ottobre, con una delibera di giunta, l’avvio delle procedure per la realizzazione in “project financing” di un forno crematorio per i defunti, offrendo al privato, in concessione, la gestione di tutti i servizi del cimitero.
Tutto ciò è stato deciso FUORI dal programma elettorale o di una consultazione del Consiglio Comunale, senza confrontarsi con i cittadini, rispondendo esclusivamente all’istanza di un soggetto proponente privato. Ebbene sì! Il “project financing” prevede che le scelte urbanistiche della città le facciano i privati. Quello che serve ai cittadini è stabilito dalla redditività dell’opera da realizzare. Il privato finanzia l’opera, la gestisce per un certo numero di anni, rientra abbondantemente delle spese: il tutto a rischio zero. Il comune avrà delle percentuali (non sappiamo quali), ma a che prezzo?!

Chiediamo all’Amm.ne di bloccare lo studio di fattibilità perché:
1) È inaccettabile che venga privatizzato l’ennesimo servizio locale, il polo cimiteriale, regalandolo al soggetto privato di turno in cambio di pochi denari (il 5% sugli utili annuali). L’incapacità del soggetto pubblico (il Comune) nel garantire un corretta gestione e manutenzione del cimitero - come richiesto da diversi cittadini negli ultimi anni – non giustifica questa scelta. Il Sindaco e la giunta vengano a discutere pubblicamente il tema con i cittadini!
2) L’opera, per essere economicamente sostenibile, dovrà avere un bacino di utenza pari forse a 2-3 milioni di abitanti, sarà quindi un servizio rivolto alla Regione e non solo ai cittadini di Ciampino: quale sia l’impatto ambientale - sul quale si registrano dati discordanti, pochissimi monitoraggi e una legislazione assolutamente inadeguata - questo nuovo impianto industriale risulterà in un’ulteriore criticità ambientale che si somma a quelle già presenti nella nostra città. Una città dove già si registrano delle vere e proprie emergenze ambientali tra cui: l’aeroporto (indiscutibilmente fuorilegge per il superamento dei livelli acustici), i roghi senza controllo del campo della Barbuta, il traffico veicolare enormemente cresciuto intorno a un tessuto urbano cementificato senza criterio e ritegno.
3) Nelle immediate vicinanze insistono gli impianti sportivi molto frequentati anche da bambini piccoli, la piscina comunale, piscine private, edifici scolastici, abitazioni, aziende vitivinicole. Niente importa se sempre nella fascia di rispetto del cimitero si estende gran parte della tenuta del Muro dei Francesi con i casali della Marcandreola, sulla quale anche l’Amministrazione ha espresso la volontà, sia pure a denti stretti dopo il vincolo apposto dalla Soprintendenza, di voler realizzare il Parco pubblico.

Abbiamo grande rispetto per chi sceglie la cremazione, ma crediamo altrettanto che i cittadini di Ciampino abbiano il diritto di decidere di cosa hanno bisogno per migliorare la qualità della loro vita e di cosa invece non si sente affatto la necessità. Contestiamo l’operato dell’Amministrazione sia per il metodo autoritario che adopera per decisioni così importanti, sia, nel merito, sull’opportunità di localizzare questo tipo di servizio di livello regionale – creando un ulteriore peso ambientale – proprio nell’ultima zona preziosa rimasta nel nostro piccolo territorio. Non intendiamo accettare una decisione di questa portata senza che la città possa esser messa a conoscenza di tutti gli aspetti legati a questa scelta (economici, ambientali, paesaggistici) e soprattutto decidere consapevolmente di rinunciare ad una opera inutile e potenzialmente dannosa.

Facciamoci vedere, facciamoci sentire perché possiamo fermare questa follia tra le case e i centri sportivi e dove deve sorgere un parco archeologico! Possiamo farcela come ci sono riusciti i comitati di San Cesareo e di Rocca Priora! Incontriamoci, facciamo questa battaglia contro una decisione insensata.

La memoria della nostra comunità non si privatizza!
#NoFornoCrematorio

Chiediamo ai cittadini di intervenire all'ASSEMBLEA PUBBLICA indetta da Ciampino Bene Comune e il Comitato No Forno Crematorio, con molte altre realtà e movimenti cittadini, che si terrà Venerdì 25 novembre alle ore 18:00 nello spazio antistante la sala del Centro Polivalente in Via Cuneo a Ciampino (zona Cipollaro).

Leave a Reply

*

close