Città in Comune

 

Assemblea 24 Gennaio

I sottoscrittori dell’appello per Ciampino pubblicato su http://cittaincomune-ciampino.org/appello/ si sono visti venerdì 24 al Piccolissimo per dare inizio ad un percorso che come recita l’appello abbia l’obiettivo di presentare alle prossime elezioni comunali una lista della sinistra in grado di rappresentare le istanze di giustizia sociale e di rispetto dei beni ambientali, culturali e archeologici del territorio.

L’iniziativa ha visto la partecipazione di diversi cittadini e cittadine, molti dei quali aderenti a Ciampino Bene Comune, di alcune operatrici degli asili nido di Ciampino da tempo in agitazione contro la privatizzazione e dei militanti di Rifondazione Comunista, che ha aderito formalmente al progetto.

L’assemblea si è aperta con la lettura dell’appello da parte di Adonella Monaco, a cui hanno fatto seguito alcuni interventi tematici su urbanistica e territorio (Cinzia Casalvieri e Marina Veneri), su lavoro e aziende comunali (Alessandro Porchetta), sulla questione ambientale e aeroportuale (Daniele Corsico), sulla questione sicurezza come questione di giustizia sociale (Carlo Cefaloni).

Oltre ai saluti di Paolo Andreozzi, rappresentante di Sinistra per Roma, una delle liste a sostegno di Sandro Medici alle scorse elezioni comunali ci sono stati numerosi interventi dalla platea. Alessandro Tonucci ha ribadito la partecipazione di Rifondazione al progetto, e ha posto l’accento sulla necessità della collocazione alternativa al centrosinistra e alle politiche di austerità. Roberto Barcaroli è intervenuto sull’insostenibilità ambientale dell’aeroporto mentre Augusto Candi sulla necessità per la sinistra di elaborare risposte concrete alle necessità dei cittadini di Ciampino. Infine nel suo intervento Loredana Longo ha raccontato la lotta delle operatrici dei nidi contro la privatizzazione disposta dal comune.

Le principali proposte emerse dall’assemblea sono

  • Rimessa in discussione del PRG, con l’elaborazione di una nuova variante volta a tutelare il territorio e a fermare la speculazione edilizia sulle aree IGDO, Fratelli spada ed ex aree produttive lungo l’Appia Antica.
  • Investire sul recupero dei beni archeologici emersi a Ciampino in questi anni (area Muro dei Francesi e colle Olivo) al fine di ottenere oltre alla tutela del bene archeologico anche lo sviluppo di un’economica della cultura e del bello.
  • Difesa dei posti di lavoro del territorio, in particolare nelle municipalizzate che devono tornare totalmente in mano pubblica e diventare Aziende Speciali.
  • Il rifiuto del piano farsa presentato da ADR per la diminuzione del numero di voli. Il piano, che di fatto nega l’emergenza ambientale che si è venuta a creare a Ciampino, costituisce un esempio di arroganza ed un attentato alla salute dei cittadini.

L’assemblea ha inoltre deciso di rivedersi il 30 Gennaio ed il 6 Febbraio alle ore 19.00 in via Lucrezia Romana 33 per degli approfondimenti tematici e di tornare al Piccolissimo la settimana successiva per chiudere la definizione del programma e decidere nome della lista, simbolo e candidato/a sindaco.


divisore

Gli interventi

close